Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. +39 346 0961638 +39 328 4426418 +39 0833 935053

Percorso guidato ai frantoi ipogei del Salento

Il frantoio o “Lu trappitu”, come viene chiamato in gergo salentino, identifica quella macchina (Trapetum) utilizzata dagli antichi romani nella fase iniziale della molitura, per schiacciare le olive e a separare il nocciolo e il liquido amaro dalla polpa. Nel Salento, tra i centri più proficui della produzione olearia, sono presenti molti frantoi ipogei e proprio da qui, sin dall’antichità, gran parte dell’olio veniva esportato in tutta Europa.

Già a partire dal ‘600 il porto di Gallipoli ricopriva un ruolo fondamentale nel commercio dell’olio lampante esportato in tutto il mondo. Il frantoio ipogeo della “città bella” è l’unico di quelli risalenti al 1600 ad essere interamente ristrutturato: un autentico museo dove ammirare le attrezzature utilizzate per la produzione dell’olio lampante.

Nella periferia orientale di Cutrofiano, nei pressi della Masseria Astore, potrete visitare un antico frantoio privato, tra i meglio conservati del Salento. Ai lati dell’ambiente principale, di forma longitudinale, si possono osservare le tracce dei torchi e i pozzetti di decantazione chiusi da vetri oltre che due vasche per la molitura e tre macine.

Nella città di Vernole il frantoio ipogeo Caffa, risalente al 1500, è stato utilizzato sino ai primi del 1900 e conserva tutt’ora il profumo nostalgico della lavorazione delle olive. Continuiamo il nostro viaggio spostandoci verso l’entroterra della Grecìa Salentina per ammirare il frantoio ipogeo Granafei di Sternatia. Utilizzato sino al XIX secolo comprende due ambienti per la spremitura, la tradizionale vasca e le macine.

A Specchia sono visitabili ben 4 frantoi ipogei comunali (Scupola, Cicca, Perrone, Francescani Neri) recentemente restaurati a testimonianza dell'enorme produzione dell'olio d'oliva che questa cittadina vantava nei secoli scorsi. Potrete ammirarli seguendo quella che viene definita la “Via dei Frantoi Ipogei” (Via Perrone - Via Principe Orsini - Via Cicca - Via Garibaldi), un percorso quasi interamente sotterraneo.

A Melpignano, teatro de “La Notte della Taranta” uno dei Festival musicali più importanti del Salento, si trova un frantoio ipogeo interamente scavato nella roccia. Realizzato nel XVII secolo, conserva ancora le grandi vasche per la molitura delle olive, le macine in pietra e i torchi per la spremitura.

Strutture correlate

  • App. Antonella

MENU