Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.dalle 9.30 alle 19.00 dal Lunedì al Venerdì

cave-bauxite-otrantoGli appassionati di Geologia non potranno lasciarsi sfuggire l’opportunità che il Salento offre in materia , in quanto , il tratto costiero all’interno del Parco Naturale Regionale Costa d’Otranto , Santa Maria di Leuca e Bosco Tricase , è ricco di “geositi” di importante interesse scientifico e storico , ma che rivestono anche un’importanza turistica non indifferente proprio per il loro valore estetico e scenico.

Itinerari

Facendo riferimento al Salento Adriatico, gli itinerari geoturistici prevedono un tour tra il laghetto e le Cave di bauxite di Otranto, la cava costiera di Porto Miggiano, le Calcareniti del Pleistocene di Castro, il Fiordo Ciolo a Gagliano del Capo e il suggestivo incontro tra i due mari, Adriatico e Jonico, a Punta Meliso a Santa Maria di Leuca.

 Ogni itinerario è una scoperta della terra, per riuscire a capire la storia geologica dei luoghi, inoltre i turisti hanno la possibilità di fare delle passeggiate per osservare rocce con fossili, depositi di maremoto, i segni lasciati dalle variazioni del livello marino, i tratti di costa in erosione e tanto altro. 

Un Fiordo in Salento

Quasi all’estrema punta del tacco, non molto lontano da Santa Maria di Leuca, esiste un piccolo fiordo  chiamato Ciolo, nome che deriva dalla parola dialettale Ciola, che significa Corvo; gli venne attribuito questo nome a causa delle nidificazioni di questi uccelli nelle insenature della scogliera.

Il Fiordo è attraversato da un ponte sospeso a 36 metri di altezza, dal quale si può ammirare un panorama mozzafiato; tra l’altro dal ponte alcuni sportivi o semplici temerari si tuffano nel mare cristallino del Salento. Altri invece preferiscono fare trekking, magari lungo il Sentiero delle Cipolliane.

 Questo è un percorso che parte proprio dal Ciolo, lungo 2,5km, si percorre in poco meno di un’ora di passeggiata e unisce questo tratto al parcheggio di Porto Vecchio a Novaglie; molto praticate sono anche le attività da parte de sub. Tra l’altro nella località è possibile ammirare la Grotta del Ciolo, la quale è accessibile solo dal mare e resa ancora più suggestiva dal laghetto presente all’interno.

MENU