Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.dalle 9.30 alle 19.00 dal Lunedì al Venerdì

Cava di Bauxite di Otranto

C'è un luogo affascinante nel Salento che sembra uno scorcio rubato al Pianeta Marte o allestito artificialmente per ricreare una scenografia di un film di fantascienza, con le sue rocce di un colore rosso intenso che sembrano non appartenere al pianeta Terra.

È il sito di una ex cava, l'Oasi Rossa delle Cave di Bauxite, immerso in un paesaggio naturale poco distante dal Faro di Punta Palascia, a Otranto. Qui, per circa un trentennio, dal 1940, quando è stato scoperto il giacimento di bauxite, al 1976, quando la cava è stata dismessa per gli antieconomici costi estrattivi, si è estratto il minerale che veniva impiegato per la produzione dell'alluminio.

L'Oasi

Tra la folta vegetazione che si è sviluppata sul territorio circostante sono ancora visibili le rocce rosse del cratere che ospitava la cava, all'interno del quale infiltrazioni d'acqua hanno creato un laghetto dall'improbabile e sorprendente color smeraldo. L'acqua ha assunto questo colore a causa dei residui di bauxite presenti nelle rocce.

I colori sono così intensi da sembrare artificiali, il rosso acceso delle rocce contrasta con il verde smeraldo del lago e il verde vivo della vegetazione. Sembra che la natura si sia prepotentemente estesa per riconquistare i suoi spazi dopo l'intervento dell'uomo.

Le rocce rossastre che sprofondano nel lago ricordano i paesaggi incantevoli e pittoreschi del Grand Canyon e la quiete che avvolge questo luogo lo rende ancora più unico e suggestivo.

Otranto e la Baia dei Turchi

La visita all'Oasi Rossa è un'opportunità per visitare anche la città di Otranto. Lasciandosi incantare dalla vista dai bastioni cittadini e addentrandosi tra i vicoli del centro storico, tra palazzi antichi, ristorantini e negozietti d'antiquariato, si raggiunge la Cattedrale di Santa Maria Annunziata che presenta un pregevole pavimento a mosaico.

Una volta arrivati a Otranto non si può perdere una visita alla Baia dei Turchi, che deve il suo nome agli invasori che assediarono la città nel 1480. La spiaggia è spettacolare, protetta da una pineta e una folta e rigogliosa vegetazione che la custodiscono e assicurano un silenzio paradisiaco. Una surreale sensazione di quiete avvolge un arenile bianchissimo e acque marine che esplorano tutte le infinite sfumature dell'azzurro.

MENU