Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.dalle 9.30 alle 19.00 dal Lunedì al Venerdì

pasticciotto

L 'enogastronomia è uno dei vanti del Salento, assieme al mare, alla natura e alla ricchezza storico-architettonica: tra i prodotti più amati c'è sicuramente il pasticciotto, un gustoso e libidinoso dolcetto in pastafrolla con un cuore di crema pasticcera.

E pensare che il pasticcere Ascalone nel 1745 lo preparò quasi per sbarazzarsi di ingredienti avanzati e offrì quello che egli stesso definì un pasticcio, si dice, al parroco di Galatina che estasiato ne volle altri.

Una festa dolcissima

E da questo episodio nacque il delizioso pasticciotto a cui è dedicata una festa a Surano il 28 luglio, che attira cittadini ma anche tantissimi turisti.

Quel giorno infatti le strade di Surano, con nell'aria le note della musica popolare salentina compresa l'immancabile pizzica suonata dal vivace gruppo "Il canzoniere grecanico salentino", si riempiranno di bancarelle dove si potrà assaporare gratuitamente il pasticciotto, in ogni sua variante, all'arancia o al cioccolato e persino all'amarena, assieme ad altri prodotti della tradizione gastronomica salentina, dalle frise all'olio, al vino e alle conserve fatte in casa.

Ma l’obiettivo della festa del pasticciotto è non solo promuovere l'artigianalità locale in ogni sua forma, ma anche l'integrazione tra popoli e culture diverse, vista la presenza alla festa di prodotti tipici propri di altri popoli del Mediterraneo, dai turchi ai marocchini, così vicini a questa assolata terra.

Una passeggiata a Surano

Surano sorge a due passi dalla bella Castro e a una quarantina di km da Lecce. Dopo aver assaporato uno o più pasticciotti, è consigliato aggirarsi tra i vicoli del borgo tra edifici nobiliari, come per esempio "Palazzo Galati", con affreschi risalenti al 1884.

È d'obbligo visitare la Chiesa Matrice dedicata alla SS. Assunta, edificata in stile romanico nel 1775 all'interno della quale si può ammirare un pregevole tabernacolo ligneo e un meraviglioso altare dedicato alla Sacra Famiglia. Bellissima è anche la cripta basiliana che si trova sotto l'insospettabile chiesa moderna di San Rocco: all'interno della cripta del XII secolo è possibile ammirare un affresco rappresentante San Giovanni il Battista.

MENU