Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. +39 346 0961638 +39 328 4426418 +39 0833 935053

La stampa inglese in estasi per il Salento: il Telegraph a Porto Selvaggio

Porto Selvaggio nel Salento

Il Salento è una fra le migliori mete vacanziere indicate dal Telegraph: il popolare quotidiano britannico ha stilato una lista delle migliori località da visitare in Italia e fra le destinazioni prescelte c'è anche Porto Selvaggio, una delle diverse perle che può vantare il territorio salentino.

Le bellezze di Porto Selvaggio

Questo lembo di terra in Puglia ha mantenuto inalterata nel tempo la sua ricchezza sia paesaggistica che ambientale poiché è stato sempre preservato dagli abusi di tipo urbanistico, conservando così la bellezza che lo caratterizza e che rende Porto Selvaggio così affascinante.

Recentemente è stato definito "l'oasi più bella" in terra salentina e nel corso degli ultimi anni è divenuto una meta estiva molto ricercata, che accoglie un numero sempre maggiore di turisti, attirati in particolare dalle acque cristalline che sono una peculiarità di questa zona della Puglia. Porto Selvaggio, però, è anche un'area di interesse culturale per via della presenza di siti archeologici come Serra Cicora e la Grotta del Cavallo.

L'interesse archeologico e le meraviglie naturali

All'interno della Grotta del Cavallo sono stati ritrovati reperti estremamente interessanti risalenti all'epoca dell'uomo di Neanderthal, fra cui manufatti in pietra e resti di animali che erano stati macellati.

Serra Cicora invece è un sito che testimonia la presenza dell'uomo durante il periodo neolitico, in varie fasi fino a quella più recente, circa 5 mila anni prima della nascita di Cristo. Proprio a tale periodo storico risale la necropoli realizzata in quest'area, alla quale appartengono i resti di una ventina di individui rinvenuti a Serra Cicora.

In fatto di bellezze naturali, la punta di diamante di Porto Selvaggio è senza dubbio il Parco, che comprende anche la zona protetta della Palude del Capitano e si estende per più di un migliaio di ettari. L'area è arricchita dalla pineta, aggiunta negli anni Cinquanta, che scende giù fin quasi a raggiungere il mare.

L'insenatura di Porto Selvaggio è caratterizzata da scogli bassi e i fondali sono ben visibili per via delle acque eccezionalmente trasparenti. Di fronte a questo scenario incantevole, è facile capire perché il Telegraph abbia inserito Porto Selvaggio fra le migliori destinazioni per l'estate.

MENU