Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. +39 346 0961638 +39 328 4426418 +39 0833 531081

Candidatura Unesco: l'Appello del Salento

Lecce Candidata a Patrimonio Unesco

Che Lecce sia un luogo magico, ricco di monumenti, chiese, vicoli, piazze e palazzi considerati uno dei fiori all'occhiello del Belpaese, riteniamo non sia più un mistero per nessuno.

Lecce, il capoluogo del Salento, espressione più fulgida e viva del barocco, non a caso, anno dopo anno, è inserita in cima ai luoghi da visitare e da scoprire almeno una volta nella vita. E, se analizziamo la quantità di tesori che la città e il Salento celano agli occhi dei visitatori frettolosi, ma che non nascondono a quelli degli amanti dell'arte, capiamo bene perché l'amministrazione comunale di Lecce ha proposto all'Unesco di essere candidata a Patrimonio dell'Umanità.

Salento Patrimonio dell'Unesco: un matrimonio possibile

Nonostante qualcuno critichi aspramente e in modo piuttosto veemente quest'iniziativa, l'appello del Salento pare stia veleggiando con il vento in poppa. Certo, il percorso non può che essere lungo e in salita ma, secondo gli esperti, mettendo in atto un gioco di squadra e promuovendo i tesori del territorio - le aree paludose e il bosco di Rauccio, "l'area marina di Porto Cesareo", lo spettacolare "litorale di Punta Pizzo", il Bosco di Cerano, "l'oasi WWF Le Cesine" e l'isola di Sant'Andrea, solo per citare alcuni dei luoghi che hanno reso famoso il Salento nel mondo - l'ambito riconoscimento sembra essere sempre più possibile.

E, a tal proposito, l'amministrazione comunale, ha messo a punto una sorta di chiamata pubblica, in modo tale che, chiunque voglia dare il proprio contributo alla causa, possa farlo in modo chiaro e semplice. In che modo?

Semplicemente, proponendo idee, scambio d'informazioni e contributi e sponsorizzazioni dell'iniziativa mirati a riscuotere un successo anche al di fuori dei confini nazionali, potendo contare anche sugli aiuti finanziari dell'Italia stessa e di alcuni Paesi del bacino mediterraneo, quali Albania e Montenegro. Ma adesso è giunto il tempo d'agire: la data di scadenza per la candidatura è fissata per il 30 gennaio 2017.

Eddy Galeotti / Shutterstock.com

MENU